Skip links
PER AZIENDE

Domande?

Consulta le nostre FAQ. Se hai bisogno di qualsiasi informazione siamo sempre disponibili. Puoi contattarci da qui

I crediti di carbonio sono unità di misura utilizzate per quantificare e compensare le emissioni di gas serra, come ad esempio la CO2, nell'atmosfera. Questi crediti rappresentano la riduzione di una tonnellata di gas serra o l'assorbimento di una quantità equivalente di gas serra attraverso progetti di riduzione delle emissioni o di riforestazione.

I crediti di carbonio di Carborea vengono generati dai nuovi impianti di ulivo in Salento.

In particolare i nostri crediti derivano dalla piantumazione di nuovi ulivi in terreni in cui ci sono ulivi secchi (a causa della Xylella) e dall'applicazione di pratiche agricole sostenibili, in grado di ridurre l'impatto ambientale che si avrebbe utilizzando pratiche agricole convenzionali nei nuovi impianti.

Queste pratiche comportano il verificarsi del principio di addizionalità: la piantumazione di nuovi ulivi, in sostituzione di ulivi morti, porta ad un incremento addizionale di specie arboree che sottraggono CO2 dall'atmosfera emettendo nuovo ossigeno. Inoltre, le pratiche agricole sostenibili riducono l'impatto negativo generato dalle pratiche convenzionali, generando un'ulteriore addizionalità di crediti di carbonio.

Per poter certificare i crediti di carbonio generati da un progetto è fondamentale stabilire due scenari:

1. lo scenario di base (o scenario di riferimento) che rappresenta una previsione di riferimento delle condizioni future senza alcuna modifica o intervento.

2. Lo scenario di progetto che rappresenta unaa serie di attività o pratiche agricole che si intendono applicare per raggiungere l’obiettivo di sequestro di Co2 desiderato.

Questi scenari ci consentono, attraverso il cosiddetto processo di Onboarding (sopralluogo, campionamento, analisi, calcolo e registrazione del progetto), di accertare i requisiti minimi affinché il progetto sia idoneo a generare crediti e identificare i dati da rilevare, sia degli alberi che del suolo attraverso dei prelievi di terreno. Le informazioni raccolte, una volta esaminate, permettono di generare un rapporto di fattibilità e di stabilire la quantità di carbonio sequestrata.

La metodologia attualmente utilizzata da Carborea è quella proposta da Coorest. Tale metodologia è certificata da Earthood, ente accreditato alle nazioni unite.

L’intero processo è conforme alla metodologia di afforestazione e riforestazione del CDM (Clean Development Mechanism) sviluppato e approvato dall’UNFCC.

Per il calcolo del sequestro di carbonio è stata adottata la metodologia di Coorest, certificata da Earthood, auditor riconosciuto a livello internazionale e accreditato UNFCC.

La metodologia di Coorest integra il processo di monitoraggio sviluppato da Floodlight, azienda americana tra i leader del settore dMRV che, attraverso rilevazioni satellitari fino a 1mt quadrato di risoluzione, forniscono dati precisi e aggiornati del progetto.

La fase di monitoraggio, successiva a quella di Onboarding, avviene attraverso il
processo di MRV (monitoraggio, rapporto e verifica), che viene effettuato a scadenze regolari e serve a monitorare, con tecnologie di rilevazione satellitare e controlli effettuati direttamente sul campo, lo stato di salute degli alberi e la corretta applicazione delle pratiche agricole necessarie a garantire la continuità e l’efficienza di sequestro di carbonio nel tempo. Inoltre per ogni progetto è previsto che il 10% degli alberi piantati venga utilizzato come riserva, per far fronte ad eventuali rischi che potrebbero compromettere la capacità degli ulivi di assorbire CO2 o la loro stessa vita.

I crediti generati da Carborea vengono registrati su Blockchain. La Blockchain, oltre a garantire l'unicità della transazione eseguita sulla quantità di crediti di carbonio, garantisce autenticità e trasparenza. Questo rende la compensazione verificabile da chiunque in qualsiasi momento.

Il calcolo dell'impronta di carbonio, o carbon footprint, coinvolge l'analisi e la valutazione delle emissioni di gas serra associate a un'attività, un prodotto, un servizio o persino a un'intera organizzazione. Ecco i 5 passaggi principali per calcolare la carbon footprint:

  1. Identificazione delle fonti di emissioni: La prima fase consiste nell'identificare tutte le fonti di emissioni di gas serra legate all'attività o al sistema in esame. Queste fonti possono includere l'uso di energia, il trasporto, la produzione di rifiuti, le attività agricole, ecc.

  2. Raccolta dei dati: Una volta identificate le fonti di emissioni, è necessario raccogliere dati accurati su consumi energetici, chilometraggio dei trasporti, materiali utilizzati, processi industriali, ecc. Questi dati possono provenire da bollette energetiche, registri di viaggio, bilanci aziendali, e così via.

  3. Conversione delle attività in emissioni di CO2 equivalenti: Le diverse fonti di emissioni vengono convertite in unità standard di CO2 equivalente, che rappresentano il potenziale effetto riscaldante di ciascun gas serra rispetto al biossido di carbonio (CO2). Ad esempio, il metano (CH4) ha un potenziale di riscaldamento globale maggiore rispetto al CO2, quindi le emissioni di metano vengono convertite in unità di CO2 equivalente in base al suo potenziale di riscaldamento.

  4. Calcolo delle emissioni totali: Una volta convertite tutte le attività in emissioni di CO2 equivalenti, si sommano per ottenere le emissioni totali di gas serra associate all'attività o al sistema in esame. Questo valore rappresenta l'impronta di carbonio.

  5. Analisi e interpretazione: Infine, l'impronta di carbonio calcolata può essere analizzata e interpretata per identificare le principali fonti di emissioni, individuare opportunità di riduzione e pianificare azioni per mitigare l'impatto ambientale.

È importante notare che il calcolo dell'impronta di carbonio può essere complesso e può variare a seconda della metodologia utilizzata e dei dati disponibili. Tuttavia, seguire questi passaggi fondamentali può aiutare a ottenere una stima accurata delle emissioni di gas serra e a guidare azioni per ridurre l'impatto ambientale.

Grazie alla partnership con MAN CONSULTING, possiamo guidarti e supportarti nel processo di calcolo della Carbon Footprint della tua attività.

Compensare la Carbon Footprint significa neutralizzare o bilanciare le emissioni di gas serra generate da un'attività, un prodotto, un servizio o un'organizzazione, finanziando progetti che riducono o rimuovono una quantità equivalente di emissioni di CO2 dall'atmosfera.

Dopo aver ridotto o eliminato le attività che comportano l'emissione di CO2 nell'atmosfera, per ridurre ulteriormente o azzerare l'impronta di carbonio è possibile acquistare crediti di carbonio. 

Su Carborea l'acquisto di crediti di carbonio è semplice e intuitivo. È sufficiente inserire in questa pagina la quantità di CO2 che si intende compensare e procedere con l'acquisto dei crediti di carbonio corrispondenti. Subito dopo l'acquisto e la distruzione dei crediti, inviamo via mail un certificato di compensazione che indica la quantità di CO2 compensata.

Acquistare crediti di carbonio italiani e certificati su Carborea è molto semplice:

  1. Visitare questa pagina;
  2. Inserire la quantità di CO2 che si intende compensare;
  3. Procedere con l'acquisto e la conseguente distruzione dei crediti.

Al termine della procedura, invieremo automaticamente il certificato di compensazione (POCC) indicante la quantità di CO2 compensata, il nome dell'azienda e la motivazione per cui è stata eseguita la compensazione. Inoltre nel certificato di compensazione (POCC) è indicato il codice della transazione registrato su Blockchain. Questo consente di rendere trasparente e verificabile l'operazione di acquisto di crediti di carbonio.

Su Carborea è possibile acquistare crediti di carbonio certificati e italiani utilizzando qualsiasi metodo di pagamento. Accettiamo infatti carta di credito/debito, Paypal o Bonifico. 

Dopo l'acquisto dei crediti di carbonio ti invieremo automaticamente il certificato di compensazione (POCC) indicante la quantità di CO2 compensata, il nome dell'azienda e la motivazione per cui è stata eseguita la compensazione. Inoltre nel certificato di compensazione (POCC) è indicato il codice della transazione registrato su Blockchain. Questo consente di rendere trasparente e verificabile l'operazione di acquisto di crediti di carbonio.

Il certificato di compensazione (POCC) viene inviato automaticamente via e-mail subito dopo l'acquisto dei crediti di carbonio. 

Potrai inoltre recuperarlo in qualsiasi momento accedendo alla tua area personale da questa pagina. Il tuo account viene generato automaticamente al momento dell'acquisto dei crediti di carbonio.

Hai bisogno di altro? Scrivici da questo form o invia una mail su ciao@carborea.com

Explore
Drag